rc auto bonus malus


Rc auto, le tariffe bonus malus

La tariffa Bonus-Malus
Prevede un aumento o una diminuzione del premio da pagare in base al numero di sinistri eventualmente verificatisi in un periodo di tempo detto periodo di osservazione. Sono stabilite 18 classi di merito. Le classi di merito delle assicurazioni, costituiscono un sistema tariffario basato sulla rischiosita' del conducente dell'auto. E’ previsto che per ogni anno di assicurazione trascorso senza causare sinistri, la classe di merito scenda di un punto (bonus), che corrisponde ad un premio inferiore; invece, per ogni sinistro causato, la classe di merito sale di due punti (malus) corrispondenti ad un premio piu' alto. A chi stipula per la prima volta la polizza di assicurazione Bonus Malus e' solitamente assegnata la 14esima classe che corrisponde al premio base. 
Le garanzie accessorie
Quando si stipula un contratto di assicurazione rc auto, l'assicuratore, normalmente propone, all'interno dello stesso contratto, altre garanzie assicurative accessorie rispetto alla garanzia principale relativa alla responsabilita' civile. Si tratta delle garanzie furto e incendio, cristalli, eventi naturali, eventi socio politici, assistenza stradale, garanzia  infortunio del conducente, ed altre. Qui di seguito verranno analizzate le garanzie accessorie piu' importanti.
La garanzia assistenza stradale
Garantisce l'assistenza da parte della compagnia di assicurazione nel caso in cui si sia verificato un evento dannoso in cui e' rimasto coinvolto l'autoveicolo: traino, guasto meccanico, incidente stradale, incendio, furto parziale, batteria scarica, foratura pneumatico. 
La garanzia furto incendio
Garantisce il risarcimento del valore commerciale (al momento in cui si verifica l'evento dannoso) del veicolo. Alcune compagnie di assicurazioni possono applicare alla garanzia scoperto e franchigia (parte di risarcimento che non viene liquidato, ma rimane a carico del contraente).
La tutela legale rc auto
Garantisce l'assistenza legale, mediante un massimale messo a disposizione dalle compagnie di assicurazioni, per controversie giuridiche (civili e penali). 
La garanzia infortunio del conducente
Se tale garanzia e' prevista, la compagnia assicura  il conducente per gli infortuni subiti in occasione della guida del veicolo indicato nella polizza di assicurazione, indipendentemente dall'accertamento della sua responsabilita'. L'infortunio deve comportare o il ricovero in ospedale o un'invalidita' permanente del conducente oppure la sua morte. In tali casi, la compagnia di assicurazione corrisponde un'indennita' nel limite del capitale assicurato con la polizza di assicurazioni e sempre che l'invalidita' permanente sia superiore ad una certa percentuale sempre indicata in polizza (franchigia).
Sospensione della patente
Oggetto della garanzia e' la corresponsione di una diaria giornaliera scelta dall'assicurato necessaria per la copertura dei costi sostenuti per sopperire alla sospensione della patente di guida. 
Che cosa fare se si cambia compagnia?
Al momento della scadenza della polizza di assicurazioni rc auto, devi pretendere dalla compagnia di assicurazione il rilascio dell'attestato di rischio, cioe' il documento che permette di usufruire presso la nuova compagnia assicurativa della stessa classe bonus-malus, maturata nella polizza con la vecchia assicurazione.
Cosa fare in caso di sinistro
Attenzione: entro tre giorni dalla data del sinistro devi presentare alla tua compagnia di assicurazioni la denuncia di sinistro completa di tutti i dati.
Le procedure liquidative
La procedura di risarcimento diretto
In caso di sinistro se ti ritieni non responsabile, in tutto o in parte, devi rivolgere la tua richiesta di risarcimento alla compagnia di assicurazioni, che ha stipulato il contratto di assicurazione relativo al veicolo utilizzato.
La procedura di risarcimento ordinaria
Nel caso in cui non sia possibile applicare la procedura di risarcimento diretto, si deve inoltrare la richiesta di risarcimento al proprio assicuratore. Essa deve essere corredata dalla descrizione dei fatti. Anche secondo la procedura ordinaria e' prevista la possibilita' di proporre azione per il risarcimento solo dopo che siano trascorsi 60 giorni (o 90 in caso di danni alle persone) decorrenti dalla data della richiesta di risarcimento del danno tramite raccomandata con a.r.