assicurazione rc auto


Rc auto

Importanti novitá nel settore RC Auto.
Il 21/05/2015 é stato pubblicato su IVASS il nuovo regolamento relativo alla "de materializzazione dell'attestato di rischio".
L’art. 134 del Codice delle assicurazioni, così come modificato dall’art. 32, comma 2, del DL. 24/01/2012, convertito in L. 24/03/2012, n. 27, ha introdotto questa importante novitá la cui finalità è quella di una semplificazione, mediante ricorso all’innovazione tecnologica in luogo della produzione cartacea e di rendere più snello il processo assuntivo del ramo r.c. auto creando un rilevante strumento di deterrenza alle frodi collegate con la falsificazione degli attestati di rischio.
Un altro passo importante, quindi, verso la semplificazione e la lotta alle frodi che avrá effetto dal 01 luglio 2015 e che si va ad aggiungere all'ormai nota "dematerializzazione del contrassegno", ossia la non obbligatorietá dell'esposizione del contrassegno assicurativo che entrerá in vigore dal 18 ottobre 2015.

Le assicurazioni rc auto

L'articolo 22  del decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012, convertito in legge n. 221 del 17/12/2012, ha apportato sostanziali modifiche al vecchio  dL. 209, introducendo l'art. 179-bis riguardante l'esclusione del tacito rinnovo nelle polizze assicurative. La predetta norma stabilisce che le Compagnie di assicurazioni debbano stipulare contratti di assicurazione obbligatoria R.C.A. di durata annuale che si risolvono automaticamente alla scadenza naturale e che non possono essere piu' tacitamente rinnovate.
In proposito, la Compagnia di assicurazioni deve avvisare il contraente della scadenza contrattuale con preavviso di almeno 30 giorni e nel contempo mantenere comunque operante la garanzia prestata con il precedente contratto assicurativo fino all'effetto della nuova polizza, ovvero fino al quindicesimo giorno successivo alla scadenza del contratto. Poiche' la norma prevede espressamente l'estensione della copertura assicurativa alla scadenza annuale per un periodo di quindici giorni, l'assicurato, in attesa di sottoscrivere il nuovo contratto,  potra' continuare ad esibire il contrassegno e certificato scaduti.
Con questa norma il Ministero dell'Interno ritiene non piu' sanzionabile ai sensi degli art. 180 e 181 del codice della strada la circolazione del veicolo con il certificato e contrassegno assicurativo scaduti, atteso che, la garanzia assicurativa prestata con il precedente contratto e' estesa in ogni caso, non oltre il quidicesimo giorno dalla data di scadenza dello stesso.
La valutazione della convenienza del prodotto delle assicurazioni per le auto, va effettuata tenendo conto non solo del premio di tariffa, ma anche dei massimali di garanzia rc auto, delle condizioni contrattuali, con particolare riferimento alle clausole di franchigia, esclusione e rivalsa, e dell'esistenza di garanzie accessorie (incendio, furto, atti vandalici, tutela giudiziaria,  infortuni del conducente ed altro).

Rc auto, il contratto di assicurazione 

L'assicurazione rc auto e' il contratto "detto polizza" con il quale la compagnia di assicurazioni, a fronte del pagamento di una somma di danaro, detta premio, si obbliga a risarcire a terzi eventualmente danneggiati, il danno arrecato dalla circolazione di un veicolo a motore senza rotaie che invece dovrebbe essere risarcito dal guidatore e/o dal proprietario responsabile. Il limite del risarcimento di tale polizza di assicurazione rc e' detto massimale di garanzia ed e' la somma massima stabilita in contratto che le compagnie di assicurazioni si impegnano a risarcire. Sono definiti terzi danneggiati tutti i soggetti che abbiano subito danni alla persona o alle cose a causa della circolazione delle auto assicurate. Tali soggetti hanno diritto a ottenere il risarcimento del relativo danno da parte delle compagnie di assicurazioni. L'assicurazione comprende anche la responsabilita' per i danni (solo, pero' quelli alla persona e non alle loro cose) causati ai terzi trasportati a bordo del veicolo assicurato a prescindere dall'accertamento della responsabilita'. Non e' considerato terzo danneggiato, quindi non ha diritto a beneficiare delle prestazioni garantite dal contratto di assicurazione rc auto il conducente del veicolo responsabile del sinistro.
L'operativita' delle garanzie della rc auto
Le garanzie della polizza rc auto sono operanti a partire dalle ore 24 del giorno di decorrenza indicate nella polizza sempre che il premio sia stato effettivamente pagato, altrimenti operano dalle ore 24 del giorno del pagamento del premio.
Il pagamento del premio assicurativo
E' previsto anche il pagamento rateale del premio (che sara' maggiorato percentualmente in base alla rateazione scelta). Se alla scadenza fissata l'assicurato non paga il premio dovuto, l'assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del quindicesimo giorno successivo a quello della scadenza e si riattivera' alle ore 24 del giorno in cui il premio sara' pagato.
La clausola di durata e rinnovo del contratto
Indica la durata del contratto e le modalita' del suo rinnovo. La durata e' normalmente di un anno.
Il contratto puo' prevedere o meno il suo rinnovo tacito alla scadenza.  Se e' previsto il rinnovo tacito per far cessare il contratto si deve inviare la disdetta entro il termine fissato nel contratto stesso che comunque non puo' essere superiore ad un mese prima della scadenza. La legge consente all'assicurato (in caso di premio di rinnovo invariato o diminuito rispetto all'annualita' precedente) di dare disdetta del contratto di assicurazione, con raccomandata o tramite fax, almeno 15 giorni prima della data di scadenza indicata nella polizza. Di solito alcune compagnie di assicurazioni mantengono operanti le garanzie previste dal contratto fino alle ore 24 del quindicesimo giorno successivo alla scadenza. Entro tale termine il contraente deve provvedere a pagare il premio della nuova proposta di polizza predisposta dalla compagnia, ovvero a stipulare una nuova polizza con un'altra compagnia di assicurazioni.

Advertising


Automobili assicurate oppure no? 
È online l’applicazione per controllare la copertura rca.

Da oggi sapere se un’auto o un rimorchio sono assicurati è semplicissimo. Basta andare sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (www.mit.gov.it) e sul portale dell’automobilista (www.ilportaledellautomobilista.it) per effettuare le verifiche. E' disponibile l’applicazione che permette di avere l’accesso alle informazioni sulla copertura assicurativa Rca auto dei veicoli e dei rimorchi. Inserendo i numeri di targa degli autoveicoli o dei rimorchi immatricolati in Italia si potrà verificare in pochi istanti se i veicoli risultano o meno in regola con gli obblighi assicurativi Rca auto.
Tutte le informazioni disponibili, vengono aggiornate quotidianamente dalle compagnie di assicirazioni. “Coloro i quali, sapendo di avere in corso un regolare contratto di assicurazione Rca, verifichino che il proprio veicolo non risulta assicurato, sono pregati di contattare subito la propria compagnia di assicurazione, al fine di regolarizzare la loro polizza assicurativa”, come spiegato in una nota del ministero dei trasporti. E' importante sapere che “I cittadini che, volendo utilizzare il proprio veicolo, non sono in regola con gli obblighi assicurativi, sono invitati a provvedere tempestivamente”. Anche perché, come ricorda il Ministero, circolare con l'auto o il rimorchio senza copertura assicurativa è vietato dal Codice della strada (articolo 193) ed è previsto il sequestro del veicolo, oltre ad una sanzione che va da 841 a 3.366 euro.